COMITATO REGIONALE SICILIA

Bergamini: “La Sicilia prima in Italia come numero di società affiliate nel post covid”. Il presidente Sandro Morgana: “Orgoglioso del lavoro svolto”

.
21/02/2023
Visto 187 volte
Printer Friendly, PDF & Email

“I numeri premiano la Sicilia del futsal”. Il presidente della divisione calcio a cinque, Luca Bergamini, traccia un quadro generale della situazione dove il movimento isolano nel post covid è il primo in Italia con 230 società affiliate, 20 in più rispetto alla stagione 2007/2008 e ben 46 rispetto alla scorsa stagione (184) segnata ancora dal covid. “Grande merito va al lavoro svolto del Comitato regionale che non si è mai risparmiato anche in un momento terribile come quello della pandemia. Siamo orgogliosi di poter riportare l’Italia in Sicilia e, in particolare, Catania, “patria sportiva” del capitano Carmelo Musumeci”. Allo Yachting Club Catania – diventata ormai la casa dello sport catanese – stamani si è parlato dello stato del calcio a cinque in Sicilia nella settimana che proietta gli appassionati di sport all’appuntamento clou con l’Italia di capitan Musumeci impegnata il 1 marzo contro la Macedonia del Nord. “Dobbiamo tifare Italia – spiega il presidente della Figc Lnd Sicilia, Sandro Morgana – in un momento topico della corsa che porta ai Mondiali. Nello splendido impianto del PalaCatania, che può ospitare sino a 5mila posti, mi aspetto un pubblico straordinario. Il calcio a 5 è in grande crescita e sono orgoglioso delle cifre presentate e del lavoro svolto dal settore guidato da Maximiliano Birchler. Possiamo ancora migliorare ovviamente. La presenza dell’Italia promuoverà ulteriormente questo sport a Catania e non solo. Il lavoro paga sempre”.

È stato un momento istituzionale, di confronto significativo con cifre, analisi di opportunità di crescita e anche progetti per la promozione di questo sport che raccoglie grandi consensi e vede a Catania la Meta Calcio a 5 rappresentare il movimento in Serie A (l’altra siciliana è il Melilli).

A fare gli onori di casa il vice presidente vicario del Coni Sicilia, Enzo Falzone, che ha esaltato il lavoro svolto in questi anni dallo sport catanese sia sul piano dei risultati che delle infrastrutture (PalaCatania riqualificato ndr) e il presidente della Yachting Club, Sergio Parisi e presidente della Fin, che ha ricordato i traguardi tagliati nel corso del suo mandato assessoriale. Ha portato i saluti della delegazione della Figc Catania, il prof. Lino Gurrisi. “Orgogliosi di avere la nazionale a Catania”.

I PRECEDENTI IN SICILIA. Dal 15 al 18 dicembre del 2011, al Pala Carelli di Caltanissetta l’Italia affrontò il girone di qualificazione. In quell’occasione, con Menichelli commissario tecnico, l’Italia vinse il girone superando Polonia (5-2), Bulgaria (10-1) e Romania (4-2).

VERSO IL MONDIALE. Quella di Catania sarà la terza partita e penultima gara degli Azzurri nel Main Round di Qualificazione al Mondiale del 2024. La Nazionale italiana di futsal, dopo il pari all’esordio in casa dei macedoni (3-3 a Skopje) ha travolto 6-1 la Svezia nella gara giocata al PalaJacazzi di Aversa lo scorso 9 novembre, salendo in testa al girone con 4 punti. Sarà quindi importante battere la Macedonia per presentarsi l’8 marzo (a Gavle vicino Stoccolma, in Svezia) per presentarsi con una seria ipoteca sulla vittoria finale e passare all’Elite Round (passano anche le 4 migliori seconde).

CONFERENZA IL 28. La presentazione tecnica dell’evento si svolgerà martedì 28, a ridosso della partita. In quell’occasione, a Palazzo degli Elefanti, si entrerà proprio nel vivo della partita che si disputerà il 1 marzo. Aperta la procedura per gli accrediti al seguente link: https://figc.getyourevent.online/