COMITATO REGIONALE SICILIA

Ad Acireale convegno sulla violenza nello sport

.
19/04/2024
Visto 147 volte
Printer Friendly, PDF & Email

“Sin quando ci sarà un solo episodio di violenza negli stadi in Sicilia noi avremmo chiaramente un problema da affrontare e risolvere”. Il presidente della Figc Lnd Sicilia, Sandro Morgana, ha partecipato ieri pomeriggio in una gremita Sala Pinella Musmeci di Acireale al convegno, organizzato dall'Associazione Forense Acese, su “La violenza nelle manifestazioni sportive: analisi e prospettive”.

I lavori - moderati dall’avv. Pier Francesco Continella – hanno permesso di analizzare le varie sfaccettature di un fenomeno che è una piaga dello sport. I relatori hanno fornito contributi preziosi, prospettive, criticità e possibili soluzioni da porre in essere per il futuro. “Il progetto “Uniti contro la violenza per costruire un calcio migliore – continua – sta dando frutti importanti. Nonostante, purtroppo, gli episodi di violenza i numeri sono fortemente in calo. Questo non deve indurci ad abbassare la guardia. Occorre analizzare i risultati dei nuclei di valutazione, nati nelle nostre delegazioni, e gli effetti delle iniziative. Gli episodi di violenza mi amareggiano notevolmente sul piano personale e da cittadino. Non bisogna abbassare la guardia. Occorre insistere e lavorare in sinergia con tutte le istituzioni coinvolte e continuare a parlarne, riflettendo sui dati che determinano un fenomeno negativo che deve rimanere lontano dal mondo sportivo”.

Il convegno è stato preceduto dai saluti istituzionali del Sindaco di Acireale, Roberto Barbagallo, e dei rispettivi presidenti del Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Catania, Antonino Distefano, e dell'Associazione forense Acese, Avv. Mario Tornatore. Hanno partecipato sua Eccellenza il Prefetto di Catania, dott.ssa Maria Carmela Librizzi ed il presidente della Corte d'Appello di Catania Dott. Filippo Pennisi, oltre ad altre autorità civili e militari.

Il Generale di Corpo d'Armata e vice comandante dell'Arma dei Carabinieri, Riccardo Galletta, ha ripercorso tutti i provvedimenti legislativi adottati nel tempo per arginare il triste fenomeno della violenza nelle manifestazioni sportive, con focus soprattutto sul calcio, ribadendo l’impegno dell’Arma dei Carabinieri nel garantire l’ordine pubblico. Il dott. Carlo Caponcello, Procuratore Generale presso la Corte d’Appello di Messina, ha sottolineato l’importanza dell’attivazione di un processo di educazione e sensibilizzazione della collettività, partendo da coloro che gravitano nello sport. Tutto questo per invertire il trend e dalle sanzioni comminate in corrispondenza degli episodi di violenza.

L'avv. Giulio Napoli, Consigliere dell'Ordine degli Avvocati di Catania, ha incentrato la sua relazione sul doveroso rispetto delle norme che regolamentano la materia, puntualizzando, tuttavia, come ad arginare il fenomeno non bastino le sanzioni.

Alfredo Trentalange - già arbitro di calcio nazionale e internazionale - attualmente Presidente della Commissione per il monitoraggio ed il contrasto alla violenza sui campi da calcio – che ha ribadito la necessità di attuale una decisa e ampia collaborazione tra tutte le parti coinvolte, agendo in conformità con le procedure stabilite ed assicurando un intervento pronto ed efficace già in sede di giustizia sportiva.